Tutti sanno che il sintomo principale e più spaventoso dell'epilessia è un attacco epilettico. Si verifica spontaneamente o sotto l'influenza di una serie di fattori provocatori e può accadere a una persona in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo: nei trasporti, al lavoro, a piedi, ecc. Durante un attacco, la vittima è incosciente e ha bisogno di aiuto e sostegno dalle persone che lo circondano. Pertanto, ognuno di noi dovrebbe sapere cosa fare quando una persona ha un attacco epilettico.?

Ma prima le cose principali. Cominciamo con cos'è l'epilessia e, di fatto, un attacco epilettico.

Che cos'è "epilessia"?

L'epilessia si riferisce a una condizione caratterizzata da convulsioni ricorrenti causate da una maggiore attività elettrica in una specifica area del cervello. Se solo una parte del cervello rimane coinvolta nel processo di attività elettrica anormale - il sequestro viene chiamato parziale, ma se gli impulsi elettrici si estendono ad entrambi gli emisferi - il sequestro viene chiamato generalizzato.

L'epilessia non è solo una malattia dell'uomo, ma anche di altri mammiferi: cani, gatti, topi.

Le convulsioni parziali non possono essere accompagnate da convulsioni e perdita di coscienza, procedendo sotto forma di allucinazioni sensoriali. Le convulsioni generalizzate sono spesso accompagnate da alterazioni della coscienza e convulsioni.

L'assenteismo può essere distinto come una forma separata di attacco epilettico. Si tratta di convulsioni insolitamente brevi (che durano decine di secondi) caratterizzate da un'improvvisa confluenza del paziente con uno stato di stupore: l'attività motoria si interrompe bruscamente, le pupille non si muovono, il linguaggio viene interrotto, non vi è alcuna reazione a stimoli esterni. Molto spesso le assenze compaiono da 5-6 anni.

Le cause dell'epilessia?

Nonostante il fatto che nel mondo ci siano 50 milioni di persone con epilessia, nella maggior parte dei casi non è stata stabilita la causa della sua insorgenza. Le cause indirette dell'epilessia sono:

  • ipossia intrauterina;
  • trauma durante il parto;
  • un tumore al cervello;
  • meningite o encefalite;
  • anomalia congenita del cervello;
  • ha avuto un ictus.

Molto spesso, l'epilessia si fa sentire durante l'infanzia e la vecchiaia. Il numero di convulsioni può arrivare fino a 100 al mese o verificarsi una volta ogni sei mesi / anno.

Convulsioni epilettiche: cosa fare?

Se una persona accanto a te ha un attacco epilettico, il primo soccorso consiste nell'eseguire le seguenti misure:

  1. Durante un attacco convulso, la persona si trova in uno stato impotente e ha bisogno di aiuto esterno. La prima cosa da fare è chiedere agli astanti di allontanarsi, che probabilmente si riuniranno attorno alla vittima..
  2. Se si verifica un attacco in un luogo affollato (incrocio, strada), spostare attentamente la persona in un luogo sicuro. Per fare questo, prendilo sotto le mani e, tenendo la testa, spostalo dall'area pericolosa. Altrimenti, la vittima non può essere spostata..
  3. Assicurati di ricordare il momento in cui è iniziata la crisi. La durata di un attacco è un criterio per chiamare un'ambulanza. Quindi, se il sequestro dura più di 5 minuti, comporre "103".
  4. Durante un attacco, prova a fissare la testa della vittima tra le gambe e metti un rullo di vestiti sotto di esso, questo aiuterà a prevenire le lesioni associate all'attacco. Allo stesso scopo, allenta il colletto e altri indumenti stretti sulla vittima.
  5. Se una persona ha la bocca aperta durante un attacco, infila un angolo del tessuto in essa per evitare di mordere la lingua o le guance. Se i denti sono serrati, non cercare di sbloccare, né provare a inserire un cucchiaio o un altro oggetto duro tra i denti. Porterà solo lesioni.
  6. Le convulsioni epilettiche sono accompagnate da abbondante saliva, che deve essere pulita con un panno pulito o un fazzoletto. Con una salivazione abbondante, puoi girare la testa della vittima da un lato.
  7. Non dovresti cercare di fermare i movimenti convulsi con la forza, poiché ciò non rilasserà i muscoli spasmodici, ma causerà solo lesioni e danni alla vittima.
  8. Assicurati di controllare l'ora. Nel caso in cui un attacco duri più di 5 minuti o dopo che il primo attacco è iniziato il secondo, chiamare immediatamente un'ambulanza.
  9. Dopo che la crisi si è fermata, gira la persona da un lato per evitare di affondare la lingua. Controlla se le sue vie aeree sono libere.
  10. Aiuta la vittima a riprendersi dall'attacco. Calma la persona, non permettergli di fare movimenti improvvisi. In alcuni casi, l'attacco è accompagnato da minzione involontaria. Convinci la persona che sei pronto ad aiutarlo (anche evitando il disagio psicologico).

Cosa fare dopo un attacco epilettico?

Dopo un attacco epilettico, la vittima ha debolezza, letargia, confusione. Spesso, non ricorda cosa gli è successo, quindi il tuo compito è calmarlo e spiegare cosa è successo.

In alcuni casi, la persona potrebbe chiederti di aiutarli a prendere i farmaci che hanno con sé. È severamente vietato somministrare qualsiasi medicinale alla vittima da solo..

Chiedi alla persona se ha avuto crisi epilettiche in precedenza. Se questo accade per la prima volta, chiama un'ambulanza. In caso contrario, discutere con la vittima se questo passaggio è necessario..

Abbastanza spesso, dopo un attacco, una persona si addormenta immediatamente. Non svegliarlo perché ha bisogno di riposare. Resta vicino finché non si sveglia.

Il primo soccorso per un attacco di epilessia negli adulti e nei bambini si distingue per il fatto che il bambino dovrebbe sicuramente chiamare la squadra di ambulanze.

Situazioni in cui dovresti chiamare un'ambulanza:

  • un attacco epilettico si è verificato per la prima volta in una persona;
  • la durata dell'attacco è stata di oltre 5 minuti;
  • dopo un attacco, una persona è incosciente per più di 10 minuti;
  • un attacco epilettico si è verificato in un bambino o una persona anziana;
  • l'attacco è avvenuto in una donna incinta;
  • la persona è stata ferita durante il sequestro.

Come prevenire un attacco epilettico?

La maggior parte delle persone con epilessia ha un'aura - una sensazione o esperienza che precede regolarmente un attacco. La natura dell'aura dipende dalla parte del cervello in cui si trova la concentrazione convulsiva.

Quindi, l'aura può essere espressa in un aumento della temperatura, uno strano suono, odore o gusto, una sensazione di ansia, una percezione visiva ridotta, vertigini, sensazioni spiacevoli nell'addome, uno stato di deja vu (visto prima) o jamevu (mai visto prima), ecc..

La conoscenza di una persona della sua aura è importante non solo per diagnosticare i cambiamenti nell'attività funzionale del cervello, ma in molti casi aiuta a prevenire lo sviluppo di un attacco. Ad esempio, se un attacco inizia in mezzo a tristezza o desiderio, qualsiasi pensiero triste o triste dovrebbe essere evitato per prevenire il sequestro..

Nel caso in cui vi sia un'aura olfattiva (una sensazione di odore insolito prima di un attacco), può essere interrotta inalando un odore più forte e più pronunciato, ad esempio l'odore di ammoniaca.

Se l'inizio del sequestro è preceduto da un movimento involontario dell'arto, il sequestro può essere soppresso facendo il movimento opposto. Ad esempio, se stringere il palmo in un pugno è un presagio di un attacco, raddrizzarlo o mantenerlo calmo può evitarlo..

Alcune persone con epilessia indossano una fasciatura stretta o una fascia elastica sul braccio, che si attorcigliano bruscamente quando si avvicina un attacco.

È possibile interrompere l'attacco incipiente di epilessia causando una sensazione dolorosa o di altro tipo più forte e più intensa dell'aura. Questo effetto può essere ottenuto con forti pizzicamenti, applausi, camminata veloce, ecc..

Nel caso in cui si sia verificato per la prima volta un attacco epilettico, hai registrato un aumento delle convulsioni o i farmaci precedentemente prescritti sono diventati inefficaci nell'attenuare le convulsioni epilettiche, consulta un neurologo.

Trattamento domiciliare per l'epilessia

L'epilessia è una malattia pericolosa che è accompagnata da convulsioni gravi e perdita di coscienza. I sintomi possono essere gestiti a casa, ma a volte è necessario un trattamento ospedaliero.

Epilessia e suo trattamento

La causa principale dell'epilessia (malattia neurologica) è l'indebolimento delle funzioni dei neuroni in una certa parte del cervello (nel focus epilettico). Come risultato dei cambiamenti nell'attività bioelettrica nel focus, il corpo inizia a scuotere le convulsioni. Esistono i seguenti tipi di epilessia:

Tipo di malattiaDescrizione
IntermittenteSi verifica in neonati, neonati, convulsioni che si spostano da una parte del corpo a un'altra
AssolutoLa persona si congela, perde orientamento nello spazio, non ci sono convulsioni. Questa è l'epilessia infantile
rolandicaSi verifica a 3-14 anni, si manifesta come convulsioni notturne a breve termine
mioclonicaCaratterizzato da frequenti attacchi epilettici, debutta a 10-20 anni
TraumaticoSi sviluppa dopo un trauma cranico
alcolizzatoSi verifica negli adulti con alcolismo cronico

Nel 50% dei casi, non è possibile stabilire le cause esatte della malattia. Per il trattamento, ci sono molti regimi che vengono selezionati in base al tipo, alla gravità della malattia. In un periodo, la terapia viene eseguita con un solo farmaco, che viene assunto regolarmente. La terapia dura almeno 3 anni, ma durante questo periodo i farmaci possono cambiare (selezionati in base alla loro efficacia). Il pronto soccorso per un sequestro dovrebbe essere il seguente:

  • adagiare la persona sul pavimento, divano, fissare la testa di lato;
  • vestiti sbottonati, metti un tovagliolo tra i denti;
  • dopo un attacco, non svegliare la persona se si addormenta.

Eventuali rimedi non tradizionali vengono utilizzati solo dopo l'approvazione di un medico, nei bambini di età inferiore a 3 anni viene eseguita solo la terapia conservativa!

anticonvulsivanti

Per la maggior parte dei pazienti è necessario un trattamento conservativo, perché per molti consente loro di bloccare completamente gli attacchi. La politerapia (assunzione di una combinazione di farmaci anticonvulsivanti) risulta essere meno efficace del trattamento con un singolo agente.

Non esiste un rimedio universale, pertanto l'esatta definizione della forma della malattia è molto importante..

Molto spesso, ai pazienti sono raccomandati farmaci a base di carbamazepina - Finlepsin, Tegretol. Il loro prezzo è basso - circa 250-300 rubli per 50-100 compresse. La carbamazepina blocca specifici canali del sodio, a seguito dei quali i neuroni eccitati vengono stabilizzati. La sostanza riduce anche il rilascio di alcuni aminoacidi, il che riduce la soglia convulsiva e il rischio di una nuova crisi. Altre azioni del farmaco:

  • ridurre l'ansia;
  • cessazione delle condizioni depressive;
  • diminuzione di aggressività, irritabilità;
  • prevenzione del mal di testa.

Inoltre, contro l'epilessia, vengono prescritti farmaci a base di sodio valproato (Depakin, Konvuleks), potenti sedativi con fenobarbital (Luminal). Per le assenze, viene spesso prescritto il farmaco Etosuximide, per le convulsioni miocloniche - Topiramato, Felbamat. Se il tipo di malattia non è stabilito, è necessario selezionare un medicinale in base alla sua efficacia.

Altre misure contro le malattie

La maggior parte dei farmaci è piuttosto tossica e ha molti effetti collaterali. Pertanto, molti pazienti preferiscono l'uso di basse dosi di anticonvulsivanti in combinazione con rimedi popolari, altri metodi che uno specialista consiglia..

Alcuni pazienti sono aiutati dai magneti: indossano colletti magnetici intorno al collo o applicano magneti alle tempie, ai palmi delle mani.

Il massaggio con digitopressione si è dimostrato abbastanza bene in caso di attacco imminente. Stranamente, ma dovresti massaggiare l'area dell'osso sull'alluce sul lato. Deve essere influenzato entro un minuto, facendo il massaggio in senso orario. I pazienti sono ottimamente aiutati a mantenere la salute:

  • lezioni di musica;
  • Pittura;
  • cantando;
  • altre attività creative.

Sotto la supervisione dei propri cari, si possono fare bagni terapeutici contro l'epilessia. Devi prendere un cucchiaio di radice di valeriana, gemme di pino e corteccia di salice, preparare un litro di acqua bollente, lasciare per un'ora. Dopo che questa infusione viene versata in un bagno caldo, ci sono 15 minuti. I trattamenti possono essere effettuati quotidianamente, prima di dormire.

In alcuni casi, il trattamento chirurgico può arrestare le crisi epilettiche se il trattamento conservativo è inefficace. Essere l'epilessia è provocato da un tumore, un aneurisma, un trauma cranico.

Rimedi di erbe nel trattamento delle convulsioni

I trattamenti alternativi per l'epilessia sono considerati molto efficaci se eseguiti con l'approvazione di uno specialista. A volte le erbe possono sostituire completamente l'assunzione di pillole - in casi lievi. Ecco le ricette efficaci:

  1. Mescola ugualmente celidonia, aneto, camomilla, iperico, lavanda. Aggiungi le stesse parti di melissa, motherwort, ortica, luppolo. Prepara tre cucchiai della massa con un litro, lascialo durante la notte. Bevi un bicchiere quattro volte al giorno per 90 giorni.
  2. Macinare 100 g di frutta giapponese Sophora, versare 500 ml di vodka. Insistere al buio per 4 giorni. Bevi un cucchiaio al mattino e alla sera con acqua. Corso - 2 mesi.
  3. Allo stesso modo, puoi preparare e prendere fiori di arnica per l'epilessia..

Foglie d'arancio, fiori di tarassaco, erbe di ruta aiutano bene dagli attacchi: vengono preparate con un cucchiaio per bicchiere d'acqua, bevono 100-150 ml tre volte al giorno.

Altri rimedi popolari

Poiché con l'epilessia si verifica uno spostamento della reazione ematica al lato alcalino, si consiglia di assumere succhi acidi. In qualsiasi momento della giornata, la medicina tradizionale consiglia di assumere succhi di agrumi, uva spina, ciliegie, mele, ribes.

Tenere un po 'di olio vegetale in bocca per un minuto ogni mattina riduce il rischio di convulsioni..

I trattamenti non convenzionali suggeriscono l'uso dell'aromaterapia, soprattutto se le convulsioni si verificano durante la notte. Prima di andare a letto, brucia la resina di mirra, i semi di ortica, le foglie di menta e il timo. Puoi anche gocciolare olio di lavanda e melissa nella lampada aromatica. Il "latte all'aglio" si è dimostrato efficace: è necessario bollire uno spicchio d'aglio in 100 ml di latte per 5 minuti, quindi filtrare, bere una bevanda calda prima di coricarsi.

Come una corretta alimentazione può aiutare?

La dieta umana dovrebbe essere riempita con una quantità sufficiente di grasso, ma con una quantità ridotta di proteine. Ciò migliora la funzione cerebrale e previene la carenza di calcio - svolge un ruolo importante nella conduzione nervosa. Da cibi proteici, latte acido, uova, pesce sono preferibili. Altri consigli nutrizionali sono:

  • mangiare ogni 4 ore;
  • non mangiare per 2 ore prima di coricarsi;
  • consumare molti alimenti vegetali;
  • non dimenticare gli oli vegetali;
  • invece di latte intero, usa soia, cocco;
  • non cuocere in piatti di alluminio;
  • evitare la costipazione;
  • aggiungi crusca al cibo.

Pesce e carne vengono consumati bolliti, al vapore. È importante mangiare più alimenti con acido folico: noci, verdure. L'alcool, le carni affumicate, la soda, molto zucchero e sale sono molto dannosi per i pazienti: questo cibo può provocare convulsioni. Inoltre, caffè, tè forte, aceto, spezie piccanti hanno un cattivo effetto sul sistema nervoso. Il digiuno migliora la funzione cerebrale - è praticato soprattutto spesso per l'epilessia che non risponde alla terapia farmacologica. La procedura per il digiuno terapeutico è determinata solo da un medico..

condividi con i tuoi amici

Fai qualcosa di utile, non ci vorrà molto

capitolo 3.

Come aiutare te stesso o la persona amata durante un attacco o un cambiamento nella coscienza.

(leggi anche raccomandazioni separate - capitolo "SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI ANTI-CONSUMATORE a casa per interrompere o prevenire attacchi frequenti"

Nella maggior parte dei casi, riesco a prevenire il ripetersi di convulsioni nel paziente. Tuttavia, all'inizio del trattamento, nonché in caso di una possibile ricaduta dopo l'interruzione del trattamento, gli attacchi possono ripresentarsi. Inoltre, secondo gli scienziati dei centri europei e americani per il trattamento dell'epilessia nel 20% dei pazienti non è possibile alleviare completamente le convulsioni (per tali casi in Occidente esiste un termine speciale - "epilessia incontrollata"). Pertanto, il paziente stesso, così come quelli vicino a un bambino o un adulto malato, devono sapere cosa fare con un attacco. Per esplorare le peculiarità del corso delle convulsioni, è anche consigliabile familiarizzare con le raccomandazioni: "QUALI SONO I TIPI DI MISURE. COME FANNO LO SVILUPPO E IL PROCESSO".

COME AIUTARE PRIMA DI UNA MISURA

Occasionalmente, prima di un attacco, si nota un cambiamento nel comportamento di una persona; un po 'più spesso, può avere solo una sensazione interiore di un attacco in avvicinamento (aura). Per ogni paziente, questi fenomeni pre-attacco sono generalmente invariati da un attacco all'altro..

È necessario insegnare a una persona a prestare attenzione ai presagi e all'aura degli attacchi, prima di tutto, in modo che abbia il tempo di trovare un posto sicuro. Se le convulsioni sono accompagnate da cadute o convulsioni, il paziente deve sdraiarsi prima dell'inizio della crisi, se possibile, su qualcosa di morbido.

Un adulto e un bambino, se è abbastanza grande, dovrebbero essere interrogati su queste speciali sensazioni (aura) che emanano dal fuoco dell'epi prima dell'inizio e per un'altra ragione. Il fatto è che alcune persone riescono a prevenire un pudendum quando appare un'aura. I seguenti prerequisiti sono necessari per utilizzare questi metodi naturali di prevenzione delle convulsioni:

1. Intelligenza trattenuta in un adulto o età sufficientemente grande in un bambino

2. Presenza di precursori o aure prima dei sequestri

3. La presenza di fattori provocatori prima dell'attacco

I modi naturali per interrompere l'insorgenza di un attacco spesso consistono nel distogliere l'attenzione dalla parte del corpo in cui inizia l'attacco..

Il modo più semplice per farlo è indurre dolore o altra sensazione intensa in qualsiasi parte del corpo al fine di "superare" la sensazione dell'aura con un'irritazione più forte: alcune persone indossano una fascia elastica sul braccio (polso) e, nel momento in cui avvertono l'avvicinarsi di un attacco, lo torcono bruscamente per sentire dolore. Lo stesso effetto si ottiene nel caso in cui una persona inizi a ruotare rapidamente un anello al dito o un orecchino nel lobo dell'orecchio, pizzicandosi fortemente. Un altro paziente ha scoperto di aver ottenuto lo stesso risultato toccando forte e frequente la mano contro un oggetto duro. L'autoeccitazione attraverso una camminata veloce, un forte pizzicamento o un improvviso spostamento dell'attenzione mentre ci si trova in una situazione che provoca crisi convulsive o quando una crisi è appena iniziata sono spesso modi molto efficaci per prevenire le convulsioni..

Per alcuni, uno starnuto forte è un modo eccellente per distrarre l'attenzione e quindi sopprimere un attacco..

In altri casi, è meglio agire sulla parte del corpo o sulla funzione mentale che "partecipa" all'attacco. Se un attacco inizia con lo stesso movimento involontario di un arto (diciamo, flessione della mano), allora questo attacco può essere soppresso con un movimento opposto a quello originale (nel caso di una mano, è possibile semplicemente raddrizzarlo). Il semplice tentativo di mantenere a riposo questo arto può anche sopprimere l'insorgenza di un attacco epilettico. Se un attacco inizia con una sensazione di formicolio al braccio o ad un altro arto, il paziente può provare a interrompere l'attacco stringendo saldamente quell'arto con l'altra mano, ruotandolo da un lato all'altro. Se un attacco inizia con un odore insolito, puoi interromperlo inalando un odore ancora più forte di ammoniaca.

Alcuni pazienti trovano da soli metodi psicologici di distrazione più complessi per sopprimere il sito di eccitazione nel cervello: cambiano il ritmo e il modo di pensare, la loro attività motoria o mentale.

Altri modi per sopprimere un attacco incipiente è contrastare l'emozione che scatena il sequestro: se hai convulsioni in uno stato di tristezza o noia, puoi scegliere il metodo di auto-stimolazione come risposta. Uno dei pazienti, che aveva avuto crisi parziali complesse, ha notato che era in grado di fermare l'ulteriore sviluppo della crisi, semplicemente dicendo ad alta voce la parola "No!", O improvvisamente spostando la sua attenzione su un altro oggetto. In molti pazienti, in particolare quelli con convulsioni parziali complesse, si verificano in un contesto di ansia o tristezza. Le contromisure per un attacco in questo caso saranno quelle di cercare di evitare qualsiasi pensiero che ti renda triste e malinconico, o di cambiare improvvisamente e completamente l'attenzione..

COME AIUTARE DURANTE UN'AZIONE

Per altri, non ci sono modi reali per interrompere un attacco che è già iniziato a casa - di solito termina da solo quando la scarica di epi nel cervello è esaurita. Il tuo aiuto personale in caso di insorgenza improvvisa di un attacco è necessario principalmente per proteggere il paziente dalle lesioni durante un attacco ed è il seguente:

1. Durante un attacco in corso, non spostare il paziente in un altro posto, tranne quando si trova vicino a oggetti appuntiti o caldi, apparecchiature elettriche, sulla strada con traffico intenso.

2. In caso di crampi generali, è necessario posizionare la testa del paziente su qualcosa di morbido, ad esempio vestiti arrotolati o mettere la mano sotto la parte posteriore della testa in modo che non colpisca il pavimento duro o il terreno. Tuttavia, in questo caso, in nessun caso dovresti tenere con forza la testa o altre parti del corpo in uno stato immobile, cercando di superare forzatamente le convulsioni. Le convulsioni da questo non si fermeranno e il paziente può ottenere un trauma da questo.

3. Per facilitare la respirazione, rilassare la cintura, le cinture, il reggiseno, legare il paziente e sbottonare il colletto. Se il paziente è sdraiato a faccia in giù, girarlo su un fianco o sulla schiena, in modo che i fori di respirazione siano liberi per l'aria. Allo stesso scopo, rimuovere il cuscino e la biancheria in eccesso (coperta) dal letto..

4. NON dare da bere al paziente durante un attacco o in caso di perdita di coscienza a causa della possibilità di soffocamento.

5. Se il paziente ha la saliva sulle labbra, esiste la possibilità che la saliva penetri nel tratto respiratorio e che il paziente tossisca. Pertanto, se le convulsioni lo consentono, girare la testa del paziente su un lato e, se possibile, leggermente verso il basso in modo che la saliva non fluisca nel tratto respiratorio. Durante l'insorgenza, e più spesso dopo, può esserci vomito; in posizione supina, il vomito può entrare nel tratto respiratorio. Pertanto, è meglio girare dal lato non solo la testa, ma l'intero corpo del paziente. Sostieni il tuo corpo con cuscini o indumenti arrotolati per mantenere una postura stabile. Assicurarsi che il paziente non sia girato a faccia in giù sullo stomaco e soffoca. Se le convulsioni interferiscono con la rotazione del paziente - e in ogni caso non usare la forza per contrastare le convulsioni quando si cerca di cambiare posizione, attendere che le convulsioni si placino. Puoi anche dopo questo non correre a girare, ma monitorare attentamente il paziente e girarlo rapidamente ai primi segni di voglia di vomitare.

6. In un attacco, è possibile un morso della lingua o della guancia con denti collegati a convulsioni toniche. Potresti aver visto il film americano "Cleopatra" con la famosa attrice Elizabeth Taylor nel ruolo del protagonista: l'epilettico Giulio Cesare, quando si avvicinava un attacco, si morse i denti con uno speciale blocco di legno morbido per prevenire il morso della lingua e lo sgretolarsi dei denti. Non abbiate fretta di fare una tale barra - il trattamento di solito consente di rimuovere o ridurre significativamente questi attacchi.

Alcuni esperti raccomandano, per evitare il morso della lingua, di posizionarsi tra i denti del paziente e tenere la maniglia di un cucchiaio con una mano, avvolta in un pezzo di stoffa (fazzoletto). Non farlo: il paziente potrebbe rompersi i denti sul cucchiaio o soffocare a causa del tessuto svolto.

Molto spesso, un attacco si sviluppa rapidamente - e se una persona ha già stretto i denti, non ha senso attaccare qualcosa in bocca. Inoltre, la pratica ha dimostrato che un tentativo di prevenzione del morso della lingua sopra può causare lesioni ai denti e altri problemi. Pertanto, non mettere nulla in bocca al paziente. Discutere la fattibilità dell'uso di questo metodo con il proprio medico in caso di morso di lingua ricorrente con attacchi ricorrenti.

COME AIUTARE DOPO L'ATTACCO

Il tuo aiuto post-sequestro è il seguente:

1. Spostare la persona in un luogo confortevole o aiutarla ad arrivarci se vuole dormire dopo la crisi convulsiva. Quando si addormenta, non è necessario svegliarlo finché non si sveglia. Se una persona dopo un attacco non è venuta da sola e si è "addormentata" immediatamente, e il sonno è sospettosamente profondo ed è accompagnato da contrazioni periodiche, puoi "scuotere" un po 'il paziente per assicurarti se reagisce a te, o è caduto in uno stato convulso e a chi. Se il paziente non risponde, chiamare un'ambulanza.

2. Dopo l'attacco, quando il paziente ha completamente ripreso conoscenza, si consiglia di dargli una tazza di tè dolce. Tuttavia, non è necessario interrompere il sonno del paziente per questo se si addormenta dopo un attacco. NON dare da bere alla persona malata durante un attacco o se è incosciente.

Alcune convulsioni senza convulsioni richiedono anche l'aiuto di altre, in particolare gli stati di coscienza alterata, durante le quali una persona può compiere movimenti inconsci (convulsioni psicomotorie). Allo stesso tempo, può essere ferito urtando qualcosa, salendo sul bordo e cadendo da un'altezza, manipolando un oggetto appuntito. Durante un tale attacco, cambia delicatamente la direzione del movimento del paziente lontano dall'oggetto pericoloso, allontana da lui gli oggetti pericolosi, parla con calma al paziente in modo che non abbia paura della situazione insolita quando viene da solo.

COSA NON DOVREBBE ESSERE FATTO QUANDO ATTACCO

È inutile utilizzare i metodi di medicina tradizionale, e talvolta è dannoso, incluso coprire il paziente con qualcosa, bruciare alcuni oggetti, causare qualsiasi irritazione, inclusi riflessologia e agopuntura (irritazione di alcuni punti del corpo). Non provare a praticare la respirazione artificiale o il massaggio indiretto del cuore durante le convulsioni - è inutile - non sarai in grado di respirare aria nei polmoni, poiché ciò ti impedirà di spasmi dei muscoli respiratori. Dopo l'arresto dei crampi, la respirazione si ripristina quasi sempre da sola.

Non mettere nulla in bocca a una persona durante l'ictus.

C'È UNA MINACCIA DI VITA NELL'ATTACCO

Con un trattamento adeguato e le seguenti raccomandazioni, non c'è pericolo per la vita.

Alcune convulsioni sono accompagnate da pronunciate convulsioni toniche, che consistono nella tensione dei muscoli del corpo, nella riduzione degli arti e nel congelamento in una determinata posizione. I crampi tonici possono anche afferrare i muscoli respiratori, rendendo impossibile la respirazione. Di solito il periodo delle convulsioni toniche è di breve durata. Se è ritardato, allora un segno di carenza di ossigeno è una tinta bluastra della pelle e delle labbra. Una leggera cianosi delle labbra e del triangolo nasolabiale si verifica spesso durante un normale attacco e quindi non è pericolosa.

Un segno di pericolo è una cianosi più pronunciata che si diffonde in tutto il viso e in altre parti del corpo. Tali convulsioni gravi possono verificarsi con un trattamento inadeguato o con stato epilettico. Lo stato epilettico è una condizione in cui l'insorgenza dura più di 15 minuti o gli ictus si susseguono, ma il paziente non riprende conoscenza negli intervalli tra l'insorgenza.

Durante le convulsioni, nonostante l'arresto respiratorio e l'eventuale arrossamento del viso, è inutile dare ossigeno al paziente o fare respirazione artificiale. L'aria allo stesso tempo non entrerà nel tratto respiratorio e nei polmoni a causa della rigidità dei muscoli respiratori. Di solito, immediatamente dopo l'interruzione della tensione tonica del corpo, il paziente inizia a respirare e la cianosi scompare gradualmente (ciò può verificarsi sullo sfondo di continui contrazioni e disturbi della coscienza). Esistono pochissime probabilità che la respirazione dopo una lunga cessazione in caso di convulsioni gravi non venga ripristinata (la tensione tonica diminuisce e il corpo inizia a "ammorbidirsi", ma non c'è respiro e la cianosi non scompare, ma al contrario aumenta). In questo caso, la respirazione artificiale deve essere avviata immediatamente. bocca a bocca fino a quando si verifica la respirazione spontanea. In tutti gli altri casi, non tentare di respirare artificialmente. All'inizio della respirazione artificiale, è necessario assicurarsi che non ci siano vomiti in bocca e in gola - se sono presenti, è necessario avvolgere rapidamente il dito indice con un asciugamano e liberare le vie respiratorie accessibili dal vomito.

Un altro possibile pericolo è associato alla possibilità di vomitare durante un attacco o immediatamente dopo (quando il paziente è ancora incosciente) con l'ingestione di vomito nel tratto respiratorio. Pertanto, al momento della caduta, non farti prendere dal panico, ma aspetta il momento in cui puoi girare la persona dalla sua parte in modo che non soffoca con il suo vomito.

Se il paziente è incosciente durante un attacco o immediatamente dopo di esso, è necessario controllare la posizione del suo corpo e della sua testa - in modo da non soffocare, appoggiare la faccia su un cuscino o qualsiasi superficie in posizione prona o soffocare il vomito mentre giace sulla schiena. Ecco perché i sintomi notturni tonici sono più pericolosi quando non c'è nessuno accanto a una persona. Pertanto, se un bambino con attacchi notturni ha l'abitudine di dormire a pancia in giù, è necessario svezzarlo da questo..

In tutta la mia pratica, non c'è stato nessun caso di morte di un paziente con un attacco a casa o in strada - le raccomandazioni sopra riportate sono una sorta di assicurazione aggiuntiva per alcuni rari casi.

Un'eccezione a tutte le regole di cui sopra è un attacco sotto forma di laringospasmo con rachitismo nei bambini del primo anno di vita (spasmofilia). Il laringospasmo è uno spasmo e un restringimento delle vie aeree (laringe) che possono o meno essere accompagnati da convulsioni toniche. Con il laringospasmo, in contrasto con il solito attacco convulso, non c'è una sola cessazione della respirazione all'inizio della tensione tonica del corpo, ma difficoltà a respirare, a volte con un suono simile al pianto di un gallo. Può verificarsi anche un arresto respiratorio con laringospasmo, ma di solito non si verifica immediatamente, ma dopo diversi respiri rumorosi. A differenza delle convulsioni, l'ossigeno compresso può aiutare con il laringospasmo. Puoi provare a interrompere un attacco prolungato di laringlespasmo irritando la parte posteriore della faringe e la radice della lingua. Se la respirazione si interrompe, la respirazione artificiale viene somministrata fino al primo respiro.

SE IL SEIZURE È SUCCESSO IN ACQUA (sulla prevenzione degli incidenti in acqua, leggere le sezioni appropriate delle raccomandazioni "LIFESTYLE FOR EPI-SEIZURES")

1. Sostieni il bambino in modo che la sua testa sia sopra la superficie dell'acqua..

2. Dopo aver portato il paziente fuori dall'acqua, controllare se sta respirando. In caso contrario, posizionalo con lo stomaco sul ginocchio piegato e pulisci il muco dalla bocca con le dita. Dopo aver versato l'acqua, trasferiscilo rapidamente sulla schiena, inclina la testa all'indietro in modo che le vie respiratorie assumano la forma di un tubo dritto e faccia la respirazione bocca a bocca. Il torace dovrebbe espandersi nel tempo con la respirazione.

Devi sapere ed esercitare come amministrare correttamente la respirazione artificiale..

3. Anche se, dopo essere stato sott'acqua, la persona salvata non si lamenta di nulla - chiama un'ambulanza o vai in ospedale, poiché l'acqua che entra nei polmoni può causare alcune complicazioni.

QUANDO CHIAMARE UN'AMBULANZA

Durante un attacco, è necessario essere vicino al paziente ed eseguire le azioni sopra. Dopo la fine del sequestro è necessario chiamare un'ambulanza nel seguente caso: 1 / se la parte convulsiva del sequestro è durata due o più minuti più a lungo di quanto generalmente avvenga nel bambino o nella persona amata; se l'ictus è durato più di 5 minuti; 2 / se il processo è stato ripetuto (due o più passaggi in poche ore); 3 / se il paziente dopo l'attacco non è venuto da solo e si è "addormentato immediatamente", e il sonno è sospettosamente profondo ed è giustificato da spasmi periodici e con vigorosi tentativi di svegliarlo, non risponde alle tue semplici domande ("Riesci a sentirmi", ecc.) E non ti dà un'occhiata; 4 / se, dopo l'insorgenza, il paziente ha una coscienza confusa - risponde a domande poco e erroneamente, si precipita ad andare da qualche parte, si orienta male nel tempo e nel luogo in cui si trova; se dopo l'insorgenza il paziente sembra malato; 5 / in caso di lesioni evidenti.

Un medico dell'ambulanza in caso di attacchi ripetuti o la minaccia della loro ricorrenza prescrive l'introduzione di diazepam o sodio ossibutirrato. L'introduzione di questi farmaci in una vena può interrompere immediatamente l'attacco, ma i medici delle ambulanze non li iniettano nella vena per paura di sopprimere il centro respiratorio con questi farmaci in caso di ipersensibilità a loro, loro assenza o altri motivi. Lo stesso medicinale, iniettato per via intramuscolare nel gluteo, inizierà ad avere effetto solo dopo 15-20 minuti. Pertanto, se gli attacchi non sono isolati, ma tendono a ripetersi più volte nell'arco di 1-2 ore sotto forma di una serie, è consigliabile avere questi farmaci a casa e un breve estratto della storia medica sulla dose alla quale questo farmaco è stato efficacemente somministrato per via intramuscolare o endovenosa. casi, è chiaro al medico immediatamente o dopo la mancanza di effetto dalla somministrazione di cui sopra che il paziente ha bisogno di ricovero in ospedale.

Trattamento del cuore

directory internet

È possibile prevenire un attacco epilettico?

L'epilessia è una malattia caratterizzata da convulsioni che derivano da una maggiore attività in una specifica area del cervello. La manifestazione della malattia è osservata come attacchi a breve termine della durata di 5 minuti.

La malattia si osserva non solo nell'uomo, ma anche nei cani e gatti.

La manifestazione della malattia

  • Le convulsioni si manifestano come esacerbazioni, caratterizzate da perdita di coscienza o convulsioni.
  • Alcuni hanno piccoli scoppi. Hanno un blackout, non approfondiscono ciò che sta accadendo, non svenono. In questo stato, una persona non è a lungo, le conseguenze, di regola, non sorgono.
  • Le piccole convulsioni possono durare a lungo: il paziente non svenisce, per diversi minuti può inconsciamente camminare per la stanza, compiere azioni insignificanti, strappare inconsciamente e stropicciare i vestiti. Dopo aver ripreso conoscenza, si osserva una forte vertigine..

Cosa può causare convulsioni

I sondaggi hanno dimostrato che l'inizio di un'esacerbazione si verifica dallo scoppio delle cellule nervose nel cervello, che, con una maggiore eccitabilità, provoca convulsioni epilettiche.

Questo può accadere per molte ragioni:

  • Mancanza di sonno: una persona malata ha bisogno di più sonno. Se ci sono problemi associati all'insonnia, si consigliano passeggiate serali, prendendo sedativi: valeriana, valocordin, tintura di peonia.
  • Limitazione nella nutrizione - è necessario ridurre l'assunzione di liquidi, perché provoca uno scoppio della malattia; rifiuto di cibo salato, che successivamente provoca il consumo di un grande volume di bevande. In tali casi, il fluido viene trattenuto nel corpo e provoca gonfiore, incluso il tessuto cerebrale. Da questo, la pressione intracranica aumenta e si verifica un altro attacco..
  • Il surriscaldamento al sole può causare un altro splash, quindi è meglio non correre rischi e prendere il sole.
  • Visitando le discoteche, dove c'è luce intensa e musica, anche i suoni forti provocano un'ondata di attacchi. Anche i riflessi di luce, i fari, le luci tremolanti sono controindicati..
  • L'assunzione di alcol è severamente vietata ai malati. Per questo motivo, i medici consigliano di prendere decotti alle erbe per il trattamento e diluire le tinture alcoliche con acqua..

Un attacco può verificarsi per sovraeccitazione, nervosismo, superlavoro, stress.

Primo soccorso

Chiunque può diventare un testimone accidentale dell'incidente. Questo può accadere per strada, in un negozio oa casa. Tutti dovrebbero sapere come aiutare il paziente.

  • Se la persona è incosciente, posizionare un oggetto morbido sotto la testa e rimuovere gli oggetti pericolosi per prevenire lesioni.
  • Non trattenere le convulsioni con la forza e monitorare la respirazione.
  • In modo che il paziente non abbia un morso o una lingua che affonda, metti un fazzoletto in bocca.
  • Girare su un lato in modo da non soffocare con la saliva o il vomito.
  • Durante il periodo di un attacco, il paziente può smettere di respirare o urinare involontariamente. In questo caso, è necessario comprendere questo problema..

Devi sapere quando devi chiamare i medici di emergenza:

Come prevenire

Le crisi convulsive possono verificarsi a causa della mancanza di sonno o di trovarsi in una situazione stressante.

  • Per questi motivi, i pazienti devono seguire il regime, riposare di più e impegnarsi in semplici esercizi per alleviare lo stress..
  • Assumi continuamente i farmaci prescritti, non saltare gli appuntamenti o modificare la dose come desideri.
  • Rifiuta di bere alcolici, perché può interrompere il sonno e alterare gli effetti dei farmaci.

La maggior parte dei pazienti presenta segni intrinseci che precedono l'inizio di un attacco. Ciò è indicato dall'area del cervello in cui si è formata la concentrazione convulsiva.

  • Aumento della temperatura corporea.
  • Audibilità di vari suoni.
  • Vertigini.
  • Sensazione di odore o sapore estraneo.
  • Cambiamenti nella percezione visiva.

Puoi cambiare l'attacco emergente con l'azione opposta. Ad esempio, se in bocca è sorto un sapore non familiare, puoi sentire l'odore dell'ammoniaca. Ciò interromperà bruscamente il senso del gusto e darà vita al paziente. In caso di movimenti involontari degli arti nel paziente, intraprendere azioni di natura opposta.

Cambia la crisi che si verifica creando una sensazione di dolore o altra azione più forte della sensazione originale. Può essere formicolio, carezze, camminata veloce, ecc. Se il sequestro di un paziente inizia in uno stato di tristezza o tristezza, è necessario portarlo fuori da questo con tutti i possibili sforzi.

È necessario trattare i pazienti che soffrono di questa malattia con profonda comprensione e aiutarli in ogni modo possibile. È necessario scoprire da lui come comportarsi in caso di attacco, come aiutare, se possibile, adempiere alle sue istruzioni e richieste.

  • Che cos'è l'epilessia? Le sue ragioni.
  • Come prevenire un attacco epilettico.
  • Sedativi per un attacco.
  • Strategia di trattamento dell'epilessia.
  • Aiuta con convulsioni epilettiche.
  • Trattamento dell'epilessia nei bambini.
  • RECENSIONI

Da una conversazione con Doctor of Medical Sciences Karlov V.A..

Cos'è l'epilessia?

Epilessia - una malattia del cervello accompagnata da convulsioni epilettiche, è considerata da molti come incurabile. Tuttavia, questa affermazione è confutata in questo articolo da DMN Karlov Vladimir Alekseevich.

Come evitare convulsioni epilettiche - come prevenire convulsioni epilettiche.

Le convulsioni epilettiche sono spesso provocate dai suoi "compagni". Se le cellule cerebrali sono fortemente eccitate, inizia un'eccessiva attività bioelettrica che provoca convulsioni epilettiche. Le convulsioni convulsive sono considerate le più gravi - a seconda di quale area del cervello si è verificata la scarica bioelettrica, la tensione muscolare è sostituita da convulsioni, il viso del paziente diventa pallido e acquisisce una tinta bluastra.
L'eccitazione delle cellule cerebrali e, di conseguenza, un attacco epilettico, possono causare i seguenti motivi:

  • lavorare troppo,
  • sovraeccitazione,
  • fatica,
  • mancanza di sonno,
  • alcool.

Per evitare un attacco epilettico, è necessario seguire alcune semplici regole..

  • Per una persona con epilessia, una buona notte di sonno è una medicina necessaria. Non dormire a sufficienza può scatenare convulsioni epilettiche. Pertanto, se il paziente ha problemi con il sonno, ha bisogno di camminare prima di andare a letto all'aria aperta. Se non aiutano, assumono sedativi di notte: valeriana, valocordin, tintura di peonia.
  • Discoteche con musica ad alto volume, sfarfallio della luce e affollamento sono controindicati per i pazienti.
    In alcune forme di epilessia, anche il bagliore di luce è controindicato: bagliore su onde, lampi, fari, torce che tremolano fuori dal finestrino di un'auto o di un treno. Gli occhiali speciali possono proteggere da queste cause di attacchi epilettici in una certa misura..
  • Anche il surriscaldamento al sole è indesiderabile, al fine di prevenire un attacco epilettico, è meglio rinunciare alla tentazione di prendere il sole.
  • Dovrebbero anche essere evitate molte ore di seduta davanti a un monitor o una TV..
    Ci sono restrizioni sull'educazione fisica. Controindicato: boxe, alpinismo, nuoto. Indicato: camminare, ginnastica, sollevamento pesi.
  • Limitazioni dietetiche: per evitare un attacco epilettico, è necessario ridurre l'assunzione di liquidi. Il consumo di cibi piccanti e salati aumenta la necessità di liquidi, c'è un ritardo nel corpo, si sviluppa anche il gonfiore del tessuto cerebrale, che fa aumentare la pressione intracranica e si verifica un altro attacco.
  • L'alcol è il più grande nemico del paziente epilettico. Pertanto, per il trattamento, i medici raccomandano l'uso di decotti di erbe e le tinture alcoliche devono essere diluite con acqua..

Erbe per epilessia - sedativi per convulsioni.

Per i pazienti con epilessia, si raccomandano erbe che hanno un lieve effetto diuretico e sedativo. Le erbe per l'epilessia completano la terapia di base e aiutano a ridurre i farmaci.

  • Il sedativo Novo-passit, composto da materiali vegetali: estratti di melissa, biancospino, valeriana, sambuco, passiflora, luppolo + guaifenesina, una sostanza ausiliaria, che allevia la sensazione di tensione e paura, funziona molto bene. Questo farmaco viene assunto 3 volte al giorno, 1 compressa.
  • L'estratto dei germogli di passiflora può essere preso separatamente, 20-40 gocce 3 volte al giorno. Il corso dura 20-30 giorni. Questo estratto ha un effetto calmante sul sistema nervoso centrale nell'epilessia..
  • La raccolta di erbe medicinali fornisce un effetto delicato e versatile sul corpo del paziente. Di solito sono costituiti da 6-8 piante, che includono: calamo, achillea, tanaceto, viburno, iperico, elecampane, liquirizia, menta, cianosi, piantaggine, melissa. Tutte queste erbe sono macinate e mescolate. Per la preparazione dell'infusione 1-2 cucchiai. l. la raccolta viene versata con 1 bicchiere d'acqua, tenuta a bagnomaria per 15 minuti, prendere 1/3 di tazza 3 volte al giorno. Corso - 4-6 mesi.
  • L'infusione di radici di valeriana ha un effetto sedativo. 1 cucchiaio. l. le radici tritate vengono versate con 1 bicchiere di acqua bollita fredda, insistendo per 6-8 ore. Bevi 1 cucchiaio. l. 3 volte al giorno (bambini 1 cucchiaino). Il corso del trattamento con valeriana è di 1,5-2 mesi. Inoltre, fanno il bagno con un decotto di radici di valeriana prima di coricarsi..
  • Motherwort aiuta a evitare convulsioni epilettiche: 2 cucchiaini. le erbe versano 500 ml di acqua bollente, lasciano per 2 ore. Bere 1-2 cucchiai. l. prima dei pasti 4 volte al giorno.
  • L'infusione delle radici della peonia in fuga (radice di Maryin) aiuterà ad alleviare l'eccitabilità nervosa eccessiva nei pazienti con epilessia, migliorare il sonno. 1 cucchiaino radici, versare 1 bicchiere di acqua bollente, lasciare per 30 minuti in un contenitore sigillato. Prendi 1 cucchiaio. l. 3 volte al giorno 20 minuti prima dei pasti. Se non riesci a ottenere questa pianta, puoi usare la tintura di peonia in farmacia (30 gocce 3 volte al giorno, il corso è di 1 mese), diluendo con acqua. In un caso estremo, puoi fare una tintura di peonia decorativa: prendi foglie e petali freschi -100 ge versa 200 ml di alcol, lascia per 2 settimane, prendi 15 gocce tre volte al giorno mezz'ora prima dei pasti.
  • I rizomi di Scutellaria baikalis (crowberry nero) sono usati in Siberia e in Estremo Oriente sotto forma di polvere come anticonvulsivanti contro le convulsioni epilettiche. Dose singola da 3 a 10 g Viene utilizzata anche la parte macinata della calotta cranica. 20 g di rami raccolti durante la fioritura per 1 ora sono insistiti in un bicchiere di acqua bollente, bevono 1/3 di tazza 3 volte al giorno prima dei pasti.
  • Le radici di chernobyl raccolte durante la fioritura hanno anche un effetto anticonvulsivante. 30 g versare 500 ml di birra, far bollire per 5 minuti. Bevi fino a quando il sudore si ferma.
  • Raccolta di erbe per l'epilessia.
    Questa infusione di erbe riduce la gravità delle convulsioni epilettiche e la prontezza convulsa. Per preparare una raccolta medicinale, prendi 5-6 nomi delle seguenti erbe antiepilettiche: sandman, valeriana, origano, melissa, cianosi, biancospino, luppolo, salvia, calendula e aggiungi ortica al 10-20% a questa miscela. Per il trattamento dell'epilessia negli adulti, assumere 1 cucchiaio. l. raccogliere e versare 400 ml di acqua bollente, cuocere a fuoco lento per 5-7 minuti. 1 ora insistere e filtrare. Aggiungi 1-2 cucchiai al brodo. l. succo di motherwort, vischio, celidonia, stupro, calendula - la tua scelta.
    Prendi 100-150 ml 3-4 volte al giorno. Il corso del trattamento è di 2-3 mesi o più. Allo stesso tempo, i farmaci antiepilettici non vengono cancellati fino all'approvazione del medico. (ricetta di HLS 2007, n. 8, p. 29).

Strategia di trattamento dell'epilessia.

  • Il trattamento a base di erbe per l'epilessia può migliorare. Per la maggior parte dei pazienti, l'epilessia non interferisce con una vita e un lavoro normali. Ma dire che era possibile curare completamente l'epilessia è possibile solo in quei casi se non ci sono state convulsioni epilettiche per 3-4 anni e il cui elettroencefalogramma conferma l'assenza di attività cerebrale epilettogena.
  • L'epilessia può essere trattata con successo solo se gli sforzi del medico, del paziente e dei suoi parenti sono uniti in modo amichevole. Ognuno ha il suo ruolo. Il medico determina la selezione dei farmaci. Non è stato ancora trovato un rimedio universale per le crisi epilettiche. Una combinazione efficace di farmaci è reale. Ma richiede un'attenta selezione..
  • La medicina moderna può ridurre notevolmente e persino arrestare completamente le crisi epilettiche. Attualmente, ci sono circa 20 tipi di farmaci usati per l'epilessia. Ma prima, il medico prescrive uno di quelli di base (finlepsin, valproate, tegritol, depakin).
  • Gli anticonvulsivanti spesso causano effetti collaterali: sonnolenza, eruzione cutanea. Ma il paziente non dovrebbe, sulla base di questo, annullare il proprio trattamento, deve seguire rigorosamente tutte le prescrizioni del medico. Il trattamento dovrebbe essere continuo e a lungo termine. Altrimenti, sono possibili esacerbazioni della malattia, gli attacchi possono iniziare a ripetersi uno dopo l'altro o essere molto protratti, a volte fatali.
    Per non dimenticare di assumere farmaci, si consiglia di prepararli la sera, impostare una sveglia per un certo tempo.

L'aiuto dei parenti del paziente è anche una componente importante del trattamento efficace. Dovrebbero mostrare complicità in modo che il paziente epilettico non si senta isolato, inferiore..

Aiuta con convulsioni epilettiche.

Nella vita di tutti i giorni, devi sapere come fornire il primo soccorso per un attacco di epilessia. Se il paziente ha perso conoscenza durante un attacco epilettico, non è necessario trattenerlo o trasferirlo in un altro posto. Per evitare infortuni, posiziona semplicemente qualcosa di morbido sotto la testa e sbottonagli gli abiti se sono a corto di respiro. Non cercare di aprire le mascelle per versare acqua in bocca o mettere una pillola.

Cosa fare dopo un attacco epilettico

Spesso dopo un attacco epilettico, il paziente è in uno stato vago, cercando di andare da qualche parte, per fare qualcosa, questo stato dura 15-20 minuti. È necessario aiutare il paziente ad andare a letto e aspettare che si calmi. Siediti accanto a lui senza cercare di parlare con il malato.
Se un attacco epilettico dura più di 5 minuti o viene ripetuto più volte, è necessaria assistenza medica.
(ricetta del giornale "Vestnik HLS" 2008, n. 12 p.28,).

Limitazione dell'acqua.
All'età di 23 anni, la donna ha iniziato ad avere convulsioni epilettiche. Questo è andato avanti per 7 anni fino a quando le è stato consigliato di limitare l'assunzione di liquidi. La paziente ridusse drasticamente la quantità di liquido che beveva e le convulsioni epilettiche scomparvero.
All'età di 33 anni ha partorito e, per migliorare l'allattamento, ha iniziato a bere molto latte. Gli attacchi sono tornati. Passò di nuovo alle restrizioni sull'acqua e non vi furono più attacchi. Adesso ha 69 anni. (ricetta di HLS 2000, n. 5 p. 13).

Come trattare l'epilessia nei bambini?

Come trattare questa malattia negli adulti è descritta in dettaglio nell'articolo: "TRATTAMENTO DELL'EPILESSIA NEGLI ADULTI"

Rimedi popolari per l'epilessia:

  1. Dai a tuo figlio quante più cipolle crude possibili. Bevi il succo di cipolla prima di ogni pasto - 1 cucchiaino.
  2. Bevi la tintura di valeriana con acqua 3 volte al giorno. Quando si tratta l'epilessia nei bambini, somministrare tante gocce di valeriana quanti sono i bambini.
  3. Infuso di radici di valeriana, cicoria, cianosi, angelica, chernobyl, eludere la peonia: prendere 1 tipo di radice schiacciata 1 cucchiaino, versare 1 bicchiere di acqua bollente, lasciare per 1 ora in un contenitore ermeticamente chiuso. Bere 3-5 volte al giorno per 1 cucchiaio. l. prima dei pasti.
  4. Per l'epilessia nei bambini, lavali in un decotto di fieno della foresta.
  5. Infuso dalla raccolta di erbe. Sotto forma di decotto, puoi usare: erba madre, assenzio, timo, bastardo essiccato, ciliegia dolce, melissa, asperula, rosmarino selvatico, origano, violetta, tanaceto, aneto, cinquefoil, knotweed, equiseto, fiore di tiglio, vischio, arnica, scarabeo. Fai una raccolta di 7-10 erbe e fai decotti secondo il seguente schema: 2 cucchiai. l. raccolta, versare 2 tazze di acqua bollente, isolare, lasciare fermentare. Bere mezzo bicchiere 3 volte al giorno 10-15 minuti prima dei pasti. Il corso del trattamento va da un mese a tre, a seconda della gravità della condizione. (HLS 2001, n. 8, p.16).

Epilessia in un bambino - un semplice modo popolare.
Un metodo molto strano di trattare l'epilessia nei bambini, ma ha aiutato molti. Il metodo è semplice e non porterà danni.
Sulla testa di un bambino, devi tagliare i capelli in quattro punti incrociati, tagliare le unghie del bambino su tutte le dita delle mani e dei piedi. Avvolgi tutto in un pezzo di benda. Posiziona il bambino sullo stipite della porta e segna la sua altezza. Al posto di questo segno, praticare un foro e inserire una benda con capelli e unghie, stucco. Quando il paziente supera questo segno, le convulsioni epilettiche del bambino passeranno. (HLS 2000, n. 14, p. 13).

Analizziamo le migliori ricette popolari per il trattamento dell'epilessia in un bambino sulla base dei materiali del giornale "Vestnik" HLS "...

  • Gherigli di albicocca per epilessia.
    Mangia ogni giorno chicchi di semi di albicocca sbucciati di quanti pezzi il paziente è vecchio. Ad esempio, 8 anni - 8 chicchi al mattino a stomaco vuoto ogni giorno per un mese. Quindi una pausa per 1 mese. Ripeti il ​​corso fino a quando non sei guarito, dipende dal grado della malattia. Il lettore è riuscito a curare la nipote dell'epilessia con semi di albicocca in sei mesi, cioè ha trascorso 3 corsi di 1 mese ciascuno. Poi aveva 8 anni, ora 23 anni - non ci sono stati attacchi durante questo periodo. (ricetta di HLS 2010, n. 21, p. 33).
  • Trattamento dell'epilessia in un bambino con una radice d'oro a casa.
    La donna ha curato sua nipote con tintura di rodiola rosea ed erbe lenitive.
    25 g di radice secca devono essere versati con 500 ml di vodka, lasciare per 2-3 settimane in un luogo buio, agitando.
    In 1/3 di tazza d'acqua, gocciola tante gocce quanti sono i bambini. Adulti: non più di 25 gocce (a partire da dieci, aggiungendo una goccia ogni giorno). Bere 3 volte al giorno 30 minuti prima dei pasti. L'ultima ricezione della tintura non oltre le 18:00.
    Il corso del trattamento con questo rimedio popolare è di 10 giorni. La pausa è anche di 10 giorni, durante questi dieci giorni di pausa, prendi erbe rilassanti: origano, menta, melissa, radice di valeriana, trifoglio dolce. 1 cucchiaio. l. raccogliere le erbe versare 1 bicchiere di acqua bollente, insistere, bere 3 volte per 1/3 di tazza. Conduci 4 corsi di questo tipo (ovvero 40 giorni), quindi un mese di pausa
    Durante il trattamento, l'infusione della radice d'oro non è stata utilizzata per prevenire il sovradosaggio. Nel giro di un anno, l'epilessia del bambino fu completamente guarita. (HLS 2007, n. 4, p. 10, 2006, n. 18.), (ricetta del giornale Vestnik HLS 2006, n. 17 p. 29).
  • Come trattare l'epilessia in un bambino con erbe.
    La ragazza si ammalò all'età di 3 anni. I parenti non sono stati in grado di far fronte a questa malattia per quattro anni, fino a quando una donna non ha detto ai suoi genitori una ricetta per raccogliere erbe, che l'ha aiutata a curare l'epilessia, di cui ha sofferto per 22 anni..
    L'erba cianotica è blu, l'erba del pettine mariannik (un altro nome è Ivan-da Marya), l'erba di San Giovanni, l'origano, la corteccia di biancospino, l'erba Bogorodskaya - prendi tutte le erbe allo stesso modo e mescola accuratamente. 1 cucchiaio. l. mescolare 200 ml di acqua bollente, insistere in un thermos e bere? bicchieri 3 volte al giorno 30 minuti prima dei pasti. Trattamento a lungo termine. La ragazza ha bevuto questa infusione per un anno intero, anche se i suoi attacchi sono cessati dopo un mese.
    Un lettore ha dato questa ricetta alla sua amica per un figlio adulto. Aveva convulsioni ogni ora, giorno e notte. Dopo il trattamento, il loro numero è diminuito in modo significativo. (HLS 2007, n. 14, p. 8).
  • Trattamento dell'epilessia nei bambini con radice di maria (peonia selvatica) a casa.
    Scava la radice di marin, risciacqua, ma non raschiare. Tagliare 50 g di radice a fettine sottili, versare 0,5 l di vodka, riposare per 21 giorni, non filtrare. Prendere con acqua (50 ml). I bambini di età inferiore ai 15 anni assumono tutte le gocce che sono, gli adulti ne assumono 25 gocce 3 volte al giorno. Il ricevimento della tintura non dipende dall'assunzione di cibo. (ricetta di HLS 2004, n. 2, p. 27).
  • Rimedio popolare bielorusso.
    Il maiale ha due piccole ossa nella testa (una per lato), sembrano un teschio umano. Quando cucini carne in gelatina, queste ossa non vengono bollite o ammorbidite. Devono essere schiacciati in polvere, avvolti in un panno e rotti con un martello. Questa polvere è 1/4 cucchiaino. dovrebbe essere aggiunto al cibo 1-2 volte al giorno. Le convulsioni epilettiche nei bambini si fermano. (ricetta del giornale Vestnik HLS 2001, n. 5 p. 19)

Ti è piaciuto l'articolo? Condividere.

Descrizione di epilessia o malattia "epilessia" si trova in scritti risalenti al BC. La natura della patologia è stata quindi poco compresa, ma oggi, grazie ai moderni metodi di ricerca, gli esperti sanno: la malattia è causata da una maggiore attività dei neuroni.

Si forma nel fuoco epilettico, da cui la scarica può diffondersi ad entrambi gli emisferi del cervello. Gli uomini epilettici non servono nell'esercito, ricevono un "biglietto bianco" nell'ufficio di registrazione e arruolamento militare.

Lo stress, l'assunzione di qualsiasi quantità di alcol, la mancanza di sonno e molto altro possono provocare un forte aumento dell'attività delle cellule nervose e provocare un attacco. Il paziente deve imparare a prevenire la parocrisi e la sua famiglia deve capire l'algoritmo delle azioni durante una crisi.

La manifestazione della malattia

Il disturbo "cadente" si manifesta in convulsioni specifiche. Come e cosa può causare un attacco epilettico non è completamente noto alla scienza moderna. Alcuni durano non più di pochi secondi, altri - minuti. Una persona non cade sempre e convulsa..

Con una forma lieve, il paziente fa movimenti incomprensibili e ripetitivi - automatismi: tira oggetti, cammina, può persino guidare un'auto. Ma dopo di solito non ricorda nulla..

La descrizione di un attacco epilettico inizia con un'aura. Queste sono le sensazioni emotive e fisiche che il paziente prova prima del sequestro. Questa condizione dura da alcune ore a uno o due giorni:

  • sonnolenza o aumento dell'attività;
  • mal di testa;
  • sensazione di formicolio in varie parti del corpo;
  • con alcuni tipi di parocrisi, allucinazioni uditive o visive;
  • irritabilità, pianto;
  • contrazioni muscolari a breve termine.
  • L'uomo quindi si accascia sul pavimento con un basso grido. In questo momento, l'epilettico è incosciente e non capisce cosa si sta facendo a lui e nei dintorni..

Inizia la fase tonica:

  • i muscoli sono molto tesi;
  • la respirazione è confusa, difficile, a causa della quale le labbra diventano blu;
  • il paziente può mordersi la guancia o la lingua;
  • a volte si verificano movimenti della minzione o dell'intestino;
  • aumento della salivazione (schiuma alla bocca), in rari casi - vomito.

Il sequestro termina in una fase clonica. Qui gli arti sembrano contrarsi: i muscoli si irrigidiscono o si rilassano..

Cosa può causare convulsioni

Da quando abbiamo scoperto che la parocrisi è una manifestazione di un disturbo, vale la pena decidere: cosa può causare l'epilessia? Ci sono diverse ragioni principali che in medicina sono considerate circostanze provocatorie per lo sviluppo di una deviazione:

  • predisposizione ereditaria - questa forma è chiamata idiopatica (congenita). A causa della patologia dei geni, una persona nasce in realtà con l'epilessia ricevuta dal parente più prossimo;
  • a causa dell'influenza di fattori esterni: TBI, neoplasie, malattie cerebrovascolari, neuroinfezione - qui parlano di un tipo sintomatico;
  • per ragioni sconosciute: questa specie è chiamata criptogenetica.

La risposta alla domanda: come prevenire l'epilessia, la medicina moderna non lo sa. Spesso, l'aumento dell'attività dei neuroni nella corteccia cerebrale inizia senza una ragione apparente. In questo caso, i medici non devono più combattere la malattia stessa, ma cercano di ridurre al minimo le conseguenze negative per il sistema nervoso da convulsioni costanti..

Cosa può scatenare un attacco epilettico? I medici non sono ancora in grado di determinare esattamente cosa causa il sequestro. Ma ci sono i fattori più comuni:

  • brusco e violento risveglio;
  • stress, come lotte con una persona cara o problemi sul lavoro;
  • luce luminosa. Naturalmente, ciò non significa che si dovrebbe evitare il sole e non uscire all'aperto durante le ore di luce. Basta indossare occhiali scuri;
  • il bambino ha una temperatura elevata. I genitori dovrebbero monitorare le condizioni del bambino e prevenire l'iperemia;
  • abbuffata alcolica, postumi di una sbornia;

Un'altra condizione che provoca frequenti attacchi epilettici è la nutrizione del paziente. La dieta deve essere corretta. La base della dieta è costituita da verdure e latticini. Non è consigliabile eliminare completamente i piatti a base di pesce e carne, sebbene per prevenire un nuovo attacco, è meglio ridurre significativamente il loro numero e volume. È assolutamente necessario abbandonare la salinità e le carni affumicate. Tali semplici restrizioni aiuteranno a evitare la parocrisi.

Primo soccorso

A causa del fatto che, secondo le statistiche, l'epilessia è la malattia neurologica più comune, una persona normale e sana può benissimo incontrare accidentalmente le sue manifestazioni, vale a dire un attacco epilettico. Anche se in famiglia non ci sono persone che soffrono della malattia "epilettica", è meglio avere un'idea di cosa fare in questi casi:

  1. Non farti prendere dal panico o innervosirti. Non è necessario aver paura di un attacco per aiutare davvero l'epilettico e non danneggiarlo.
  2. Si noti l'ora dell'inizio della parokrisis. Non puoi provare a fermare l'attacco in alcun modo. Se le convulsioni continuano per più di cinque minuti, è necessario effettuare una chiamata in ambulanza. Il chiamante dovrebbe spiegare all'operatore quanto tempo dura il sequestro, descrivere i sintomi.
  3. Se possibile, non spostare il paziente. Rimuovere oggetti che possono danneggiare. Spostare i mobili da parte.
  4. Se una persona cade, ha delle convulsioni, quindi qualcosa di morbido dovrebbe essere messo sotto la testa, ad esempio, i vestiti. Allo stesso tempo, gira la testa da un lato in modo che l'epilettico non si strozzi con la saliva. I tentativi di inserire un oggetto duro nella bocca del paziente tra le mascelle possono portare alla rottura dei denti.
  5. Rimuovere il collo del paziente dai vestiti.
  6. Evitare di tenere le gambe o le braccia di una persona poiché ciò aumenta il rischio di lesioni. In effetti, durante un attacco, i muscoli sono in grande tensione. Per lo stesso motivo, non è necessario sbloccare le mascelle dell'epilettico con tutti i mezzi.
  7. Non puoi provare a farti bere.
  8. Spesso dopo la fine del sequestro, il paziente si addormenta. In questo caso, non dovresti svegliarlo..

La cosa principale è non lasciare l'epilettico da solo in tutta la parocrisi e per qualche tempo dopo. È meglio provare a "rimuovere" curiosi "eccessivamente curiosi dalla stanza. La loro presenza è di solito molto confusa per coloro che soffrono di epilessia. Le persone che hanno una cattiva idea di cosa sia l'epilessia possono solo fare del male con la loro curiosità.

Come prevenire

Come evitare un attacco epilettico? Forse questa è la domanda principale per gli epilettici. Dopo tutto, sono le convulsioni che impediscono loro di vivere una vita piena. L'obiettivo della terapia farmacologica è prevenire la nuova parocrisi. Spesso i farmaci riescono a raggiungere una remissione stabile, che dura diversi anni..

Oltre a prendere anticonvulsivanti - farmaci volti a curare l'epilessia, il paziente è in grado di aiutare se stesso:

  • si consiglia di avere a portata di mano olio di lavanda per prevenire l'insorgenza di parossismi. Inspira il suo profumo quando una persona sente i presagi di un attacco (aura). Questo metodo è adatto solo per un adulto, poiché il bambino, a causa dell'età, non è in grado di valutare razionalmente la sua malattia;
  • riposare di più, non essere nervoso;
  • trova qualcosa di tuo gradimento che possa distrarre e occupare;
  • dormire a sufficienza: un sonno sano e completo è molto importante;
  • non bere alcolici: l'alcol influisce sugli effetti degli anticonvulsivanti e interrompe il funzionamento del sistema nervoso, causando quindi nuove convulsioni;
  • la piccola attività fisica allevia lo stress;
  • assumere farmaci regolarmente e secondo lo schema stabilito dal medico;
  • si consiglia di utilizzare rimedi popolari: bere decotti di motherwort o valeriana.

Cosa fare dopo un attacco

Come prevenire un attacco epilettico, abbiamo già capito. Ora devi capire cosa succede quando finisce. Quando la parokrisis è finita, la persona non può essere lasciata sola. Ha bisogno di aiuto per alzarsi e sedersi.

I pazienti avvertono debolezza, sonnolenza. La coscienza ritorna in quindici minuti. Fino a quel momento, non è necessario cercare di forzare il paziente a prendere la medicina, è pericoloso. Spesso lo stesso epilettico capisce: cosa deve essere fatto esattamente e se c'è bisogno di assistenza medica.

Contrariamente allo stereotipo consolidato: l'epilessia non è una frase. C'è un'uscita. Molte persone che ne soffrono, grazie a un trattamento adeguato, si liberano della parocrisi per molti anni. Tutti coloro a cui è stato diagnosticato questo sanno cosa può causare un attacco epilettico e adottano le misure necessarie per impedirlo..

Tra le malattie del sistema nervoso, l'epilessia è considerata la più spiacevole, poiché una persona perde conoscenza e combatte in convulsioni. In una tale situazione, è desiderabile che i parenti siano vicini, perché il paziente è in grado di soffocare sulla lingua o colpire dolorosamente, cadendo a terra. La malattia si manifesta a qualsiasi età, ad esempio, nei bambini a causa di ipossia (carenza di ossigeno) o infezione e in età più matura a causa di traumi cranici. Nelle persone di età superiore ai 50 anni, questo problema sorge a causa di patologie del sistema cardiovascolare o malattie degenerative del sistema nervoso centrale, come il morbo di Parkinson..

È difficile prevedere per quanto tempo durerà un attacco epilettico, ma di solito dura da 5-10 secondi a 10 minuti. Dopo di ciò, il paziente ha un lasso di memoria e non è in grado di ricordare gli ultimi eventi. Dopo 1-2 ore la condizione dell'epilettico si stabilizza e non capisce di quale tipo di attacco stia parlando. Secondo i medici, un attacco epilettico è più facile da prevenire, dal momento che non può essere fermato e le persone vicine possono solo aiutare l'epilettico in modo che non si ferisca.

Metodi per prevenire un attacco epilettico

Un sistema nervoso centrale sovraeccitato (SNC) sullo sfondo di malattie concomitanti provoca convulsioni epilettiche, che possono essere prevenute conoscendone le cause, come ad esempio:

  • Sovraccarico mentale e fisico;
  • Situazioni stressanti;
  • Insonnia;
  • Eccessivo consumo di alcol;
  • Sovraeccitazione del sistema nervoso centrale.

Il sonno sano e sano è necessario per tutte le persone, e in particolare per gli epilettici, poiché per loro è importante quanto le iniezioni di insulina e la dieta per i diabetici. I medici hanno da tempo dimostrato che l'insonnia provoca più attacchi epilettici. Ecco perché la mancanza di sonno è considerata la causa principale del problema. Puoi capire quante ore la frequenza del sonno si basa su questi dati:

  • Scolari 8-10 ore;
  • Adulti 8 ore;
  • Anziani 6-7 ore.

Con l'epilessia, vengono aggiunte altre 1-2 ore a questo punto in modo che il sistema nervoso riposi un periodo di tempo sufficiente.

Se non riesci ad addormentarti, gli esperti consigliano di camminare fuori per 15-20 minuti prima di andare a letto, poiché l'aria fresca ha un effetto benefico su questo processo.

A volte questo metodo non funziona, specialmente sullo sfondo delle esperienze interne. In questo caso, i medici prescrivono sedativi (sedativi), ad esempio, tintura di valeriana, biancospino o peonia.

I giovani che soffrono di questo disturbo dovrebbero ricordare che il bagliore davanti agli occhi può causare convulsioni. È possibile evitare un attacco epilettico in una situazione del genere, ma è necessario rinunciare a discoteche e altri luoghi in cui le luci tremolano. A volte anche i fari provocano lo sviluppo della malattia. Tende oscuranti nella stanza e speciali vetri antiriflesso possono farcela..

È vietata la musica ad alto volume, in quanto provoca un attacco epilettico e può essere evitata abbandonandola completamente. Invece, gli epilettici sono incoraggiati ad ascoltare melodie rilassanti che aiutano a calmare il sistema nervoso. È possibile aggiungere suoni della natura e musica classica a questo elenco..

Gli epilettici dovrebbero stare attenti che il sole non si scotti la testa, specialmente in estate quando i raggi del sole sono al massimo. Per fare questo, indossa cappelli, che sono venduti in tutti i negozi di abbigliamento. Devi anche prendere il sole con moderazione, cioè molto presto al mattino o alla sera, quando il sole non cuoce così tanto, ma è meglio abbandonarlo completamente.

È anche vietato alle persone sovraccaricare gli occhi e la testa mentre sono seduti al computer. Si consiglia di fare delle pause ogni ora per 5-10 minuti. In questo momento, puoi camminare lungo la strada o fare esercizi leggeri.

Lo sport ha i suoi limiti, poiché è vietato partecipare al wrestling, al nuoto e anche all'arrampicata in montagna. A causa loro, l'epilettico può avere un trauma cranico o sovraccaricare il sistema nervoso centrale. I medici consigliano di rivolgere la propria attenzione ad altri sport come il sollevamento pesi, la camminata e la ginnastica.

È possibile prevenire convulsioni epilettiche combinando tutti questi suggerimenti con una buona alimentazione. Innanzitutto, è necessario ridurre la quantità di fluido che consumiamo (non più di 1,5-2 litri), poiché il suo eccesso può causare un attacco. Il cibo dovrebbe essere sano e nutriente e, soprattutto, è necessario ridurre la quantità di cibi salati e piccanti, poiché vi è ritenzione idrica nel corpo. Per questo motivo, il tessuto cerebrale si gonfia, la pressione aumenta bruscamente e inizia un attacco.

Gli esperti raccomandano vivamente di eliminare le bevande alcoliche dalle loro vite. Sono considerati il ​​principale provocatore delle crisi epilettiche e, rimuovendo l'alcool, possono essere prevenuti, poiché il principale fattore irritante sarà eliminato. Se le tinture fatte con alcool vengono prese per il trattamento, devono essere ben diluite con normale acqua bollita..

Erbe per convulsioni epilettiche

I medici consigliano agli epilettici di bere decotti di erbe con un effetto diuretico per eliminare il liquido in eccesso e anche le piante con un effetto calmante sul sistema nervoso non interferiscono. La medicina di erbe e i metodi tradizionali di trattamento per molte persone anziane sono salvezza e grazie a loro, gli attacchi avvengono molto meno spesso..

Secondo gli epilettici, Novo-Passit previene bene le convulsioni. È creato con ingredienti naturali:

Separatamente, puoi evidenziare un componente ausiliario chiamato guaifenesin. Serve per rimuovere i sentimenti ansiosi. Devi bere il farmaco almeno 3 volte al giorno..

Altre piante, come la passiflora, possono anche calmare il sistema nervoso centrale. I preparativi basati sui suoi germogli devono essere presi almeno 3 volte al giorno, 30 gocce ciascuno. La durata del corso di solito non è particolarmente limitata, ma dopo un mese di assunzione si consiglia di fare una pausa per 2-3 settimane, quindi può essere ripetuta.

Molte farmacie vendono medicinali a base di erbe speciali. Il loro effetto è piuttosto lieve e le convulsioni si verificano molto meno spesso dopo aver preso un tale rimedio. La collezione comprende le seguenti erbe:

Ognuna delle erbe elencate ha il suo effetto unico e la loro combinazione porta molti benefici nel trattamento dei processi patologici nel sistema nervoso centrale. Per prepararlo, devi prendere 1 cucchiaio. l. raccogliere e versare il bicchiere con acqua bollente, quindi chiuderlo con un coperchio e lasciarlo fermentare fino a quando non si raffredda completamente. Dovresti consumare 50-70 ml alla volta 3 volte al giorno. La durata del trattamento è di sei mesi.

La valeriana è nota da tempo per i suoi effetti calmanti ed è eccellente per prevenire convulsioni epilettiche. Per fare questo, devi prendere le radici secche di questa pianta e macinare bene. La miscela risultante deve essere versata in un contenitore con acqua normale in un rapporto di 1 cucchiaio. l. per 250 ml di liquido, quindi il brodo deve essere lasciato fermentare per 10 ore. La bevanda finita dovrebbe essere consumata in 1 cucchiaio. l. almeno 3 volte al giorno. Per i bambini di età inferiore ai 18 anni, è meglio ridurre la dose a 1 cucchiaino. La durata dell'assunzione di questo rimedio è di 2 mesi.

Motherwort sarà ugualmente utile per evitare un attacco e lo fa a causa delle sue proprietà sedative. Per cucinare, devi prendere 1 cucchiaio. l. pianta essiccata e macinata e versarla in un contenitore da mezzo litro con acqua bollente. Quindi il brodo dovrebbe essere lasciato fermentare per 2-3 ore. È possibile utilizzare il prodotto finito in 2 cucchiai. l. prima di ogni pasto per 2 mesi.

La radice di Maryin (schivando la peonia) aiuta ad alleviare i sintomi del nervosismo in un epilettico e migliora il sonno. Il brodo è preparato abbastanza semplicemente e per questo è necessario prendere 1 cucchiaino. radici grattugiate e secche della pianta e versare 250 ml di acqua bollente su di esse. Il contenitore con il brodo deve essere chiuso e lasciato in infusione per un'ora. È consentito utilizzare il prodotto finito prima dei pasti, 1 cucchiaio. la durata del corso è di 30 giorni. A volte sorgono difficoltà per ottenere questa pianta e in una situazione del genere è possibile acquistare una tintura pronta in farmacia.

A causa del fatto che agli epilettici è vietato bere alcolici, dovrà essere diluito con acqua in un rapporto da 30 gocce a 1/3 tazza di acqua (50-70 ml). Dovrai anche berlo, vale a dire prima dei pasti per 30 giorni. Se non c'è modo di acquistare un prodotto pronto, allora puoi fare una tintura da una peonia decorativa. Per fare questo, è necessario strappare 100 gr. foglie e petali, quindi versarli 250 ml di alcol. Ci vorranno 10-14 giorni per insistere su questo rimedio e preferibilmente in un luogo buio. Puoi usare la tintura pronta allo stesso modo di quella acquistata in farmacia.

I medici consigliano l'uso di anticonvulsivanti, ad esempio i rizomi a calotta cranica. Questo rimedio è molto popolare in Siberia, poiché le crisi epilettiche in realtà non si verificano a causa di esso. Per il brodo, usa la parte superiore della pianta durante la fioritura. Chiunque può cucinarlo, quindi per questo è necessario strappare 20 grammi. germogli di calotta cranica, e quindi devono essere versati in un bicchiere di acqua bollente. In un'ora, il prodotto sarà pronto e dovrai berlo 50-70 ml prima dei pasti. Se non c'è desiderio o possibilità di cucinare, è possibile acquistare una versione da farmacia in polvere e di solito una singola dose prima dei pasti da 5 a 10 g.

Per ridurre l'incidenza di convulsioni e, di conseguenza, convulsioni di epilessia, è possibile utilizzare le radici di Chernobyl (assenzio). Per preparare, è necessario mescolare mezzo litro di birra e 30 g di pianta frantumata, quindi la miscela risultante deve essere bollita per 5 minuti. Devi berlo prima dei pasti, 50 ml.

Trattare l'epilessia con un medico

Le crisi epilettiche possono essere superate solo attraverso gli sforzi congiunti delle persone vicine dell'epilettico, del medico curante e del paziente stesso. Il ruolo del medico in questo triangolo è monitorare lo sviluppo della malattia e selezionare correttamente il corso della terapia. Nonostante la mancanza di una panacea per l'epilessia, puoi liberarti completamente dei suoi attacchi e mantenere la stabilità risultante grazie a uno stile di vita sano e seguendo i consigli di uno specialista.

Oggi ci sono più di 15-20 farmaci per il trattamento di questa patologia. Inizialmente, il medico sceglierà un farmaco di base come Depakine o Finlepsin. Dopo l'appuntamento, lo specialista dovrà monitorare i risultati del trattamento al fine di modificare il dosaggio o modificare il farmaco, se necessario.

Una persona che soffre di epilessia dovrebbe fare attenzione agli effetti collaterali, come eruzioni cutanee o mal di stomaco, e se si verificano, informi immediatamente il medico. È vietato annullare le decisioni di uno specialista o modificare il dosaggio dell'epilettico da solo, poiché il regime di trattamento può essere violato.

Le persone vicine a un epilettico dovrebbero conoscere tutte le caratteristiche della malattia, ad esempio, quanto dura e cosa fare durante un attacco. In effetti, in assenza di aiuto, una persona può imbattersi in qualcosa o soffocare sulla sua lingua. Il loro supporto è particolarmente importante per loro, poiché le persone che soffrono di epilessia dovrebbero sentirlo per non deprimersi..

Chiunque può prevenire un attacco epilettico seguendo semplici regole e seguendo le raccomandazioni del medico. La cosa principale è che il corso del trattamento dovrebbe richiedere molto tempo e senza interruzioni. In questo caso, l'effetto sarà persistente e sarà solo necessario mantenerlo..

E 'Importante Conoscere La Gotta